Mozambico: sfide e opportunità

…alcuni numeri

Il seguente articolo rappresenta l’estratto di un’indagine di mercato relativa al Paese Mozambico, con particolare interesse alla provincia di Capo Delcado e del capoluogo Pemba, dove MACHINA è attualmente presente con alcuni cantieri attivi. La relazione  integrale nasce da un lavoro di approfondimento delle diverse dinamiche economiche e sociali in atto in questo periodo.

Situato nella costa est dell’Africa australe, il Mozambico sta attraversando oggi una fase economica e sociale di grandi cambiamenti, con interessanti potenzialità per investimenti futuri.

Negli ultimi anni il Paese ha conosciuto una forte crescita economica con il PIL 2012 attestato attorno all’8%: questi risultati sono dovuti soprattutto allo sfruttamento delle enormi risorse naturali e alle attività minerarie.
Parallelamente il governo sta attuando una politica di incentivi in numerosi settori economici soprattutto con l’intento di attrarre investimenti stranieri.
I settori più agevolati sono quelli industriale, agro-industriale ed alberghiero, per i quali è previsto uno sconto del 50% dell’accisa sull’acquisto di immobili destinati ad una di queste attività.
Sono previsti inoltre benefici fiscali speciali per settori quali zone di rapido sviluppo, agricoltura, alberghiero e turismo, grandi progetti (sopra i 500 milioni di dollari USA) e zone franche industriali.
Per gli investimenti in qualsiasi settore, per i primi 5 esercizi fiscali, oltre ad altre agevolazioni, è previsto un credito fiscale da portare in deduzione delle imposte (IRPC e IRPS) in misura variabile in base al luogo dell’investimento: 5% a Maputo, Nampula e Manica, 10% se a Gaza, Tete, Sofala, e Zambesia, e 15% per investimenti nei territori di Inhambane, Niassa e Cabo Delgado.

Il Paese è infatti diviso in 10 province ed il governo ha definito delle linee di sviluppo e di incentivo in base alle caratteristiche del territorio.
Le principali aree stategiche sono quella della capitale Maputo, mentre il comparto di Tete è interessato dalle attività estrattive di carbone (una delle zone del globo più ricche di questo minerale). Le province settentrionali di Niassa e Cabo Delgado, soprattutto nei dintorni del capoluogo Pemba, sono state infine dichiarate dal governo Zona di Interesse Turisico (ZIT).

E’ in crescita una classe media prima inesistente e con capacità di spesa sempre crescenti, e sono ormai numerosi gli operatori stranieri che stanno posizionandosi nel mercato e sviluppando investimenti nei vari settori economici.

Ci si attende un forte aumento dello sviluppo infrastrutturale ed economico del Paese in seguito ai recenti ritrovamenti di enormi giacimenti di gas al nord del Paese, vicino a Pemba, ed allo sfruttamento delle miniere di carbone di Tete.
Ecco perchè si ritiene che Pemba rappresenti al momento uno dei pochi centri del Mozambico in grado di crescere molto velocemente ed il cui tessuto economico cambierà radicalmente nel prossimo futuro aprendo a molte opportunità di investimento.

BACK HOME